Malasanità: errato intervento all’anca: risarcimento di 70.000€

Negli ultimi giorni lo Studio Legale Colletti, dopo una causa durata 4 anni ed ancor prima di arrivare ad una sentenza, è riuscito a chiudere, grazie ad una transazione con l’assicurazione di una Asl abruzzese, un risarcimento danni per 70.000 €.

Cosa era successo in questo nuovo caso di malasanità?

Una signora si era sottoposta ad un intervento chirurgico di artroprotesi di anca ma, a causa di un intervento errato, causato anche da un banale errore di calcolo da parte dei sanitari della Asl, dopo l’intervento si è accorta di avere un dismetria rilevante di ben 5 cm la quale ha portato ad una fastidiosa zoppia e conseguentemente a problemi sia del ginocchio che della schiena.

Grazie al risarcimento ottenuto finalmente la signora potrà rioperarsi.


Tribunale di Pescara: condannata per 900mila€ la clinica Pierangeli per decesso di un paziente

Lo Studio Legale Colletti ha ottenuto una nuova sentenza positiva per un altro caso di responsabilità medica.

Al paziente, ricoverato presso la Casa di cura Pierangeli, nonostante l’anzianità, era stato impropriamente consigliato un intervento chirurgico per un aneurisma dell’aorta addominale.Leggere di più


Corte di Giustizia Europea: le clausole vessatorie possono essere rilevate in ogni fase e grado del procedimento

«La direttiva 93/13/CEE del Consiglio, del 5 aprile 1993, concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori, deve essere interpretata nel senso che osta a una normativa nazionale che non consente al giudice investito dell’esecuzione di un’ingiunzione di pagamento di valutare d’ufficio il carattere abusivo di una clausola inserita in un contratto stipulato tra un professionista e un consumatore, ove l’autorità investita della domanda d’ingiunzione di pagamento non sia competente a procedere a una simile valutazione».Leggere di più


Sezioni Unite: il danno da morte immediata non è risarcibile (Cass. SS.UU. n. 15350/2015)

Nel caso di morte immediata o che segua entro brevissimo lasso di tempo alle lesioni, non può essere invocato un diritto al risarcimento del danno iure hereditatis.Leggere di più